Sugli animali

Tour o bisonte

Pin
Send
Share
Send


Tour (Bos primigenius) è un toro selvaggio primitivo estinto che è il progenitore del bestiame moderno. Allo stesso tempo, i suoi parenti viventi più vicini sono il toro africano Vatussi e il grigio bestiame ucraino.

Vatussi, o ankole-vatushi, differisce dagli altri parenti per le sue lunghe corna, che possono raggiungere 1,8 metri. Watoussi, come molte altre razze di mucche, proviene dai tori selvaggi primitivi estinti dei tour, che circa quattromila anni fa arrivarono in Africa dalle rive del Nilo. In Egitto, sulle pareti delle piramidi fino ad oggi conservato le loro immagini. E i tori zebù, quasi nello stesso momento, arrivarono dall'India e dal Pakistan nel territorio dell'attuale Etiopia e Somalia. Furono loro che, a seguito dell'incrocio con le mucche egiziane, diedero la forma, che divenne successivamente la base di molte razze di bovini africani.

Il tour ha vissuto nelle steppe e nelle steppe della foresta dell'emisfero orientale dalla seconda metà dell'antropogeno. In tempi storici, il tour è stato trovato quasi in tutta Europa, nel Nord Africa, in Asia Minore e nel Caucaso. Il primo tour fu distrutto dall'Africa nel terzo millennio a.C. e. Quindi, verso il 600 a.C. e., gli stessi insegnamenti accaduti in Mesopotamia -. E solo nell'Europa centrale i tour durarono molto più a lungo, e la loro scomparsa qui coincise con un'intensa deforestazione delle foreste europee nel IX-XI secolo. Nonostante il fatto che i tour furono attivamente sterminati ovunque, nel XII secolo furono ancora trovati nel bacino del Dnepr. Le notizie di Vladimir Monomakh sulla difficile e pericolosa caccia ai tori selvatici risalgono a questo periodo. All'inizio del XV secolo, piccole mandrie di tour erano conservate solo nelle foreste relativamente scarsamente popolate e inaccessibili di Polonia e Lituania.

Qui i tour sono stati presi sotto protezione e vissuti come animali del parco nelle terre reali. Ma nel 1599, nella foresta reale, a 50 km da Varsavia, rimase l'ultimo piccolo branco di round di 24 individui e dopo tre anni rimasero solo 4 animali. E infine, nel 1627, l'ultimo round fu ucciso e l'audace fu messo nell'esistenza di questa specie sulla Terra. Fatto interessante: l'ultimo individuo del tour selvaggio è morto nelle foreste vicino a Yaktorov, apparentemente a causa di una malattia che ha colpito una piccola popolazione isolata e geneticamente debole degli ultimi animali di questa specie.

Il tour ha avuto un corpo muscoloso, snello, con un'altezza al garrese di circa 170-180 cm e il suo peso corporeo ha raggiunto fino a 800 kg. Corna lunghe e affilate incoronavano una testa alta. Il colore del corpo dei maschi adulti era quasi nero e solo lungo la parte posteriore si estendeva una stretta striscia bianca. Tutte le femmine e i giovani animali di entrambi i sessi erano coperti di peli bruno-rossastri.

Gli habitat principali dei tour sono principalmente aree forestali e steppiche, ma spesso sono entrate sia nelle foreste che nelle steppe. Probabilmente emigrarono nelle foreste solo nei mesi invernali ed entrarono nelle steppe in primavera, durante il periodo di rigoglioso sviluppo della vegetazione della steppa. La base della dieta dei tour era la vegetazione erbosa. Mangiarono erba, nonché germogli e foglie di alberi e arbusti.

Andare in giro per i tour ha avuto luogo in autunno e i polpacci, rispettivamente, sono apparsi solo in primavera. Di solito vivevano in piccoli gruppi o da soli, e solo per l'inverno si univano in branchi più grandi. C'erano pochi nemici naturali dei tour, poiché questi animali forti e piuttosto aggressivi potevano facilmente far fronte a qualsiasi predatore.

Attualmente, il tour è considerato estinto a causa della caccia intensiva e dell'attività economica attiva dell'uomo.

(Tour, o bisonte - Bos primigenius)

Il tour (latino: Bos primigenius o Bos taurus primigenius) è un animale a zoccoli del genere dei tori reali della famiglia bovina. Toro selvaggio primitivo, progenitore del bestiame moderno. Il parente più vicino è Watussi.

  • Ultima modifica:

Origine della vista e descrizione

In antichi documenti storici, si trova spesso una descrizione dettagliata di animali cornuti molto grandi, spesso simili a un toro da tour. Questo è ur, aurox, reem. Ci sono numerose descrizioni e immagini grafiche di questa grande bestia selvaggia. Apparentemente, era questo animale che era originariamente l'antenato del toro-tour estinto, che visse e si diffuse ovunque allo stato brado, fino alla metà del secolo d.C.

Habitat e aspetto

Durante la sua esistenza, il tour è stato trovato quasi in tutta Europa, nel Nord Africa, nel Caucaso e in Asia Minore. Per riassumere un po ', possiamo dire che il bisonte viveva nelle steppe della foresta e nelle steppe dell'emisfero orientale dalla seconda metà dell'antropogeno.

Si ritiene che l'ultimo individuo (era femmina) morì nel 1627 nelle foreste vicino a Yaktorov (il suo cranio è ora nel Livrustkammaren di Stoccolma. In questo caso, non morì per mano dei cacciatori, ma a causa di una malattia che uccise gli ultimi animali di questo tipo.

Bison Tour era significativamente più grande del bestiame moderno. Fino a 2 metri di altezza e un peso di 1000 kg (semplicemente fantastico!). La testa era alta con le corna lunghe e affilate.

Il colore del mantello dei maschi adulti è nero, con una stretta "cintura" bianca lungo la schiena. E nelle femmine e nei giovani animali - bruno-rossastro.

Negli anni 1920, i registi di due giardini zoologici tedeschi (a Berlino e Monaco), i fratelli Heinz e Lutz Heck, iniziarono i tentativi di allevare bisonti estinti. Erano sicuri che la specie non si estinguesse fintanto che i loro geni sono presenti nelle razze attuali. Hanno raggiunto il risultato - hanno messo in evidenza una razza chiamata "Aggiornato Bison", o "Heck Bison", che era molto simile al Bos primigenius, ma la stessa "cintura" a strisce dorsali era di colore giallo pallido, non bianco.

Video: tour dei tori

Nel lontano XVI secolo, l'ultima istanza unica di un tour selvaggio è andata perduta. Ci sono doppi di animali estinti sul pianeta: tori indiani e africani, bestiame. Ricerche, reperti, vari fatti storici aiutano a imparare molto sul tour. Inizialmente, un gran numero di tour sono stati trovati sul pianeta. A poco a poco, la popolazione di questi animali diminuì fino a scomparire completamente.

Ciò è dovuto a diversi motivi:

  • con l'attività lavorativa delle persone
  • con interferenza con fenomeni naturali,
  • con la deforestazione.

Alla fine del 15 ° secolo, 30 individui di questi grandi animali cornuti furono registrati in Polonia. Molto presto erano rimasti solo pochi pezzi. All'inizio del XVI secolo, l'ultimo caso del tour selvaggio, esistente nel suo habitat naturale, morì. Nessuno può capire come una simile tragedia possa essere accaduta. Si noti che gli ultimi individui non sono morti a causa dell'attività umana, ma a causa di una malattia trasmessa attraverso l'eredità genetica dagli antenati.

Dopo l'era dell'era glaciale, il gigantesco tour dei tori era il più grande animale ungulato, il che è chiaramente confermato da una fotografia del toro. Oggi, solo i bisonti selvatici europei possono adattarsi a queste dimensioni. Grazie a ricerche scientifiche dettagliate e molte descrizioni storiche, è possibile descrivere con la massima accuratezza le dimensioni, l'aspetto e le caratteristiche generali del comportamento dei tour estinti. Ma finora nessuno è stato in grado di riprodurre l'animale.

Attività, Nutrizione

I tour preferivano le aree boschive umide e paludose. I tour potrebbero nuotare per brevi distanze, ma i bovini moderni sono in grado di farlo. Grazie alla possibilità di nuotare, molti tour abitavano le isole.

Mangiarono erba verde, foglie e frutti dagli alberi (ovviamente, quei frutti che caddero a terra).

I bisonti furono trovati sull'isola di Sicilia, in un momento in cui c'era un "istmo" in Italia. Tuttavia, dopo la scomparsa dell '"istmo", il bisonte cambiò dimensione e divenne il 20% più piccolo dei suoi parenti della terraferma.

Poco si sa delle abitudini dei bisonti, anche se vissero fino al 17 ° secolo in Polonia. L'animale era un diretto concorrente del bestiame; veniva spesso cacciato.

Il bisonte aveva un carattere molto aggressivo. E gli antichi consideravano l'uccisione del bisonte un atto di incredibile coraggio.

Aspetto e caratteristiche

Foto: tour dei tori degli animali

I ricercatori hanno dimostrato che il tour dei tori era una bestia abbastanza grande. Aveva un corpo muscoloso denso, la sua crescita ha raggiunto fino a 2 metri. Un toro adulto potrebbe pesare più di 800 kg. Era un animale potente, l'altezza al garrese poteva raggiungere 1,8 M. Le grandi corna affilate incoronavano la testa orgogliosa, larga fino a 1 m, diretta verso l'interno. Questo ha dato al toro un aspetto formidabile e fantastico. Gli adulti erano neri con una striscia bianca sulla schiena. Le femmine e i giovani erano di colore rosso bruno.

C'erano due sottospecie di tori selvaggi: indiano ed europeo.

L'aspetto europeo del toro era più massiccio e più pesante. Era lui l'antenato delle moderne mucche domestiche moderne, che davano a una persona molti benefici. Un'altra caratteristica notevole del tour è stata la schiena humpback. Questa caratteristica dell'aspetto è stata ereditata dai tori spagnoli.

Le femmine dell'antico toro avevano una piccola mammella, nascosta in lana spessa. L'erbivoro si nutriva e si riproduceva proprio come i moderni tori domestici e le mucche amanti della pace, ma si distingueva per grande forza e potenza. Ciò ha dato loro la possibilità di affrontare con successo qualsiasi nemico e proteggere la loro prole.

Il tour, o l'antico toro selvaggio, aveva molte virtù che lo hanno aiutato nella lotta per la sopravvivenza:

  • resistenza,
  • l'animale aveva un pelo folto e denso e poteva tollerare inverni rigidi,
  • modestia,
  • mangiò pascoli con pascoli, mangiando qualsiasi vegetazione,
  • buon adattamento
  • animali ben adattati in qualsiasi tipo di terreno e in qualsiasi territorio. Nella zona della foresta, si sentivano bene tra gli alberi e gli arbusti, nelle steppe gli animali potevano avere libertà di movimento e grandi branchi,
  • resistenza alla maggior parte delle malattie
  • i tour avevano un'immunità ben sviluppata contro tutte le malattie e le infezioni, che hanno contribuito all'elevato tasso di sopravvivenza della prole,
  • la fertilità,
  • le femmine del tour allevavano la prole ogni anno, a partire dall'età di uno. Ciò ha dato un buon aumento del bestiame in tutto l'habitat animale,
  • buon contenuto di grassi del latte,
  • le femmine avevano latte molto grasso e soddisfacente. Ciò ha permesso ai vitelli di crescere forti, resistenti a malattie e infezioni.

Bisonte nella vita umana

Il bisonte appare anche nelle pitture rupestri preistoriche, nelle guerre di Giulio Cesare, così come nei simboli nazionali di molti paesi e città europei: Kaunas, Romania, Moldavia. Un tour svizzero prende il nome da questo animale.

L'addomesticamento dei tori ebbe luogo già nel VI millennio a.C., forse la maggior parte delle moderne razze bovine proveniva dal bisonte (come Bos taurus (taurina) e Bos indicus (zebù).

Il nome scientifico originale dell'animale Bos primigenius significava una traduzione dal tedesco Auerochse o Urochs, che era (forse non del tutto corretto) interpretato come "bue primordiale" (bue primordiale) o "proto-bue".

Secondo gli storici di un museo di Oslo, il bisonte iniziò il suo sviluppo in India circa 2 milioni di anni fa, poi emigrò in Medio Oriente e poi in Asia. Raggiunse l'Europa solo 250.000 anni fa. In precedenza, erano distinti dal bestiame, ma in seguito queste differenze sono state respinte.

Il toro cornuto indiano (Zebu) proveniva dal bisonte apparso nel deserto del Thar - questo spiega la resistenza dello zebù alla siccità. Tuttavia, il bestiame domestico yak, guyal e giavanese non ha avuto origine dal bisonte.

I cognomi slavi orientali Turenin, Turishchev, Turov, Turovsky provengono dalla varietà orientale del tour.

Gli scavi in ​​Inghilterra nel 1999, vicino alla città di Peterborough, hanno scoperto un teschio di bisonte, la parte anteriore del cranio è stata rimossa, ma le corna sono state lasciate. C'è un'ipotesi che l'uccisione del tour sia stata interamente a scopo di sacrificio.

Nella Bibbia (Giobbe 39: 9-10, Deuteronomio 33:17, Numeri 23:22 e 24: 8, Salmi 22:21, 29: 6 e 92:10 e Isaia 34: 7) c'è una menzione dell'animale Re'em. In precedenza era stato tradotto come "Unicorno", tuttavia, si ritiene che la traduzione da Akkadian - Bos primigenius, in quanto progenitore del bestiame, sia corretta.

Dove viveva il tour dei tori?

Foto: Wild Bull Tour

L'habitat del tour nei tempi antichi erano le zone della steppa e le savane. Quindi ha dovuto sviluppare foreste e steppe forestali, dove gli animali potevano essere più sicuri e procurarsi cibo a sufficienza.

Spesso branchi di tori selvaggi preferivano vivere in zone paludose. Gli archeologi moderni hanno portato alla luce un gran numero di ossa di un toro nel territorio di Obolon e della Polonia. Qui è stata registrata la morte dell'ultimo rappresentante di questa popolazione per una malattia genetica sconosciuta.

Varietà di bisonti (Bos primigenius)

Come con la maggior parte degli animali, possiamo distinguere diverse sottospecie di tour:

  • Bos primigenius primigenius - sottospecie europea
  • Bos primigenius namadicus - sottospecie indiana
  • Bos primigenius mauretanicus - sottospecie nordafricana

In tempi storici, il tour è stato trovato quasi in tutta Europa, così come nel Nord Africa, in Asia Minore e nel Caucaso. In Africa, questa bestia fu sterminata nel terzo millennio a.C. e., in Mesopotamia - circa 600 a.C. e. Nell'Europa centrale, i tour sono stati conservati per molto più tempo. La loro scomparsa qui coincise con un'intensa deforestazione nel IX-XI secolo. Nel XII secolo, i tour furono ancora trovati nel bacino del Dnepr. A quel tempo, furono attivamente sterminati. Vladimir Monomakh ha lasciato le tracce di una caccia difficile e pericolosa per i tori selvaggi.

Cosa mangiava il toro?

Foto: Bull tour animal

L'antico toro era completamente erbivoro.

Mangiava tutto ciò che si presentava, il suo cibo era:

  • erba fresca
  • giovani germogli di alberi
  • foglie e arbusti.

In estate, i tori mancavano di vegetazione nelle regioni della steppa. In inverno, le mandrie dovevano passare l'inverno nelle foreste per immergersi e non morire di fame.

A causa della deforestazione attiva, il cibo delle piante diventava sempre meno, quindi sempre più spesso nella stagione invernale, i tour dovevano soffrire la fame. Molti di loro sono morti per questo motivo, non avendo sopportato la mancanza di cibo.

Caratteristiche di carattere e stile di vita

I tour selvaggi hanno condotto uno stile di vita da gregge, dove la testa era sempre una femmina. I giovani tori abitavano di solito in un allevamento separato, dove potevano divertirsi liberamente, godendosi la loro giovinezza e libertà. I vecchi individui preferivano ritirarsi nelle profondità della foresta e vivere completamente separati da tutti, nel silenzio della loro solitudine. Le femmine con i vitelli vivevano nelle profondità della foresta, riparando la prole da occhi indiscreti.

Nella poesia popolare russa, il tour è menzionato in famose epopee su Dobryn e Marina, su Vasily Ignatievich e Soloviy Budimirovich. Negli antichi riti slavi, un tour dei tori è un personaggio gravato che arriva nel periodo natalizio. Nell'antico folklore romano e altri riti religiosi, questa immagine del toro del tour veniva spesso usata come espressione di forza, potere e invincibilità.

I tour selvaggi estinti hanno lasciato bei ricordi e prole utile. Le moderne razze bovine alimentano l'umanità con latte e carne, costituendo la base per l'industria alimentare in tutto il mondo.

Struttura sociale e riproduzione

Il solco dei tour è caduto nei primi mesi autunnali. I maschi hanno sempre intrapreso una feroce lotta per possedere una femmina. Spesso tali combattimenti sono stati fatali per un avversario più debole. La femmina ha sempre avuto l'animale più forte.

Il parto si è verificato nei mesi primaverili. La femmina incinta, sentendo l'avvicinarsi del parto, era isolata nelle profondità del boschetto della foresta, dove appariva il bambino. La madre ha nascosto e protetto con cura il suo cucciolo da potenziali nemici e dalle persone per diverse settimane. Se il parto è arrivato in un secondo momento, i bambini non potevano sopravvivere nella stagione fredda e sono morti.

Spesso, i maschi maschi si accoppiavano con le mucche domestiche. Di conseguenza, nacquero vitelli ibridi che non avevano una cattiva salute e morirono rapidamente.

Tour dei nemici naturali del toro

I tour erano animali potenti e molto forti, in grado di resistere a qualsiasi predatore. Pertanto, nella natura naturale non avevano nemici. Il principale nemico dei tori era l'uomo. La costante caccia ai tour non si è fermata per molti secoli. Il toro selvaggio ucciso è stato un grande trofeo.

La carne di una grande carcassa potrebbe nutrire un numero enorme di persone. La storia cattura molte tradizioni elogiative su come l'antica nobiltà era impegnata nella caccia al toro di successo, li sconfisse con l'aiuto delle armi o del loro ingegno, ottenendo pellicce preziose e molta carne.

I tour erano animali calmi e allo stesso tempo aggressivi. Potrebbero far fronte a qualsiasi predatore. La morte di massa di tori selvatici è stata registrata dagli umani. L'umanità ha cercato di salvare gli animali in vari modi. Hanno cercato di proteggere, curare, allevare in casa e in condizioni selvagge. Sono stati nutriti in inverno, diffondendo fieno da capanne e terre della foresta. Ma tutti gli sforzi dell'uomo furono vani, la popolazione di tori selvaggi divenne più piccola e scomparve completamente.

Popolazione e stato delle specie

Foto: Extinct Bull Tour

In epoca preistorica, il tour è stato trovato in quasi Europa, Asia, Nord Africa, Caucaso e India. Nel continente africano e in Mesopotamia, gli animali furono sterminati prima del BC. Nei paesi europei, i tour impiegarono molto più tempo, fino al 16 ° secolo.

Si distinguono le seguenti varietà del tour eurasiatico:

  • Bos primigenius namadicus - tour indiano,
  • Bos primigenius africanus - tour nordafricano.

La scomparsa della popolazione è stata facilitata da un'intensa deforestazione nel continente europeo. Ciò è dovuto alla crescita dei progressi e allo sviluppo attivo dell'industria della lavorazione del legno in tutto il continente.

Nel XIV secolo, i tour vivevano già solo in aree scarsamente popolate e foreste remote situate nei territori della moderna Bielorussia, Polonia e Lituania. I tori selvaggi venivano catturati sotto la protezione delle leggi di questi paesi e vivevano come animali domestici in terre reali protette. Nel 16 ° secolo, una piccola mandria fu registrata vicino a Varsavia, poco più di 20 goal.

Tour Bull Guard

Foto: tour dei tori degli animali

Oggi puoi incontrare i discendenti addomesticati del tour in Spagna o in America Latina. Ricordano molto il loro antenato in base a dati esterni, ma il peso e l'altezza dei discendenti sono molto più bassi.

Con una diminuzione del territorio della foresta, anche il bestiame del tour è diminuito. Presto fu introdotto un completo divieto di sparare all'animale. Ma nulla ha potuto salvare la popolazione dall'estinzione e il tour dei tori è stato perso dall'umanità nel recente XVI secolo per sempre, entrando nella lista delle specie che sono completamente scomparse dalla faccia della terra. Nella moderna Spagna e nei paesi dell'America Latina, i tori da combattimento, i parenti dei tour, vengono allevati appositamente in fattorie speciali. Sono utilizzati per la partecipazione dimostrativa in corridoi di spettacoli, che sono così popolari in questi territori.

Per la struttura del loro corpo e l'aspetto generale, i tori da combattimento assomigliano ai loro parenti selvaggi, ma differiscono notevolmente in peso, che raggiunge a malapena 0,5 tonnellate e altezza - meno di 1,5 m, che è molto più basso dei loro antenati. Turobyk è raffigurato sul moderno emblema nazionale della Moldavia, sulle armi di città come il lituano Kaunas, la città ucraina di Turk nella regione di Leopoli.

Il tour si trova abbastanza spesso nel folklore slavo, il suo nome "vive" nei detti, nei proverbi, nelle epopee e nei riti di Ucraina, Russia, Galizia che sono sopravvissuti fino ad oggi. Nel folklore musicale ucraino, il tour è spesso citato in canti nuziali e rituali, canti natalizi e giochi popolari.

Gli scienziati stanno ancora tentando senza successo di ricavare sperimentalmente un analogo del toro del tour, che ha un tronco extra-potente e un'enorme forza fisica. Ma finora nessuno è stato in grado di farlo. Tour dei tori conserva con cura i suoi segreti, senza rivelarli a nessuno. La ruota della storia non può essere invertita. Pertanto, le persone devono venire a patti con questa tragica perdita del tour del toro ed essere grati a questo antico gigante per le loro adorabili, gentili e utili mucche.

Speranza di vita

Come descritto sopra, in Germania ci sono già stati tentativi (quasi riusciti) di ripristinare la popolazione di questo enorme animale cornuto. Ma i tedeschi non sono i soli nel loro desiderio di tornare al tour:

Gli scienziati del Polish Bison Recovery Fund (PFOT) vogliono usare il DNA delle ossa conservate nei musei per rinnovare il bisonte e riportare l'animale nelle foreste polacche. Questo progetto ha ricevuto il sostegno del Ministero dell'Ambiente polacco. Gli scienziati polacchi sono fiduciosi che la moderna genetica e biotecnologia possano ripristinare le specie quasi identiche all'antica.

Gli scienziati affermano che il recupero rivelerà le cause dell'estinzione della specie ed eviterà lo stesso destino per il bestiame.

Inoltre, ci sono appassionati che cercano di far risorgere la razza usando tori spagnoli, che meglio di altri hanno conservato le caratteristiche del loro grande antenato.

Pin
Send
Share
Send